Amo l’arte e non mi basta mai. Le mie letture preferite sono quelle che parlano di arte e spesso di biografie degli artisti.

Appena posso visito mostre, musei ed è davanti alle opere d’arte che sento la presenza dell’artista: osservo la sua pennellata, la quantità di colore, la forza con cui lo ha steso sul supporto, o più semplicemente la scelta delle dimensioni dell’opera.

Ci sono opere d’arte che desidero da tanto tempo dipingere e farle mie; come quando i bambini imitano gli adulti a fare qualcosa, lo fanno per fissare nella memoria l’atteggiamento dell’adulto!

Però non desidero farne una brutta copia, non voglio cadere nel banale, nel già visto o peggio ancora nel cattivo gusto…

Quando ascolto cover di brani musicali, mi piace sentire emergere la personalità dell’artista che reinterpreta il brano famoso, mi piace quando lo fa suo e ne fa qualcosa d’altro.

La mia idea perciò è quella di reinterpretare i GRANDI MAESTRI.

Come al solito sono partita dai fondi. Tavola di legno e base di gesso. Il colore della base l’ho ottenuta miscelando pigmenti, molti dei quali li ho anche macinati. Non controllo le quantità, ne aggiungo fino ad ottenere il colore che desidero (il famoso QB che si usa tanto in cucina!), in questo modo quel fondo è unico e non lo potrò più ripetere rendendo unica la mia opera!

Traccio un rapido schizzo con il gessetto e procedo poi con la tecnica del colore ad olio, velatura su velatura.

I colori sono solo due: quello del segno (terra di Cassel) e quello della luce (bianco titanio) per adesso…

Il mio modus operandi è sempre lo stesso, definisco la parte del dipinto che mi interessa mettere a fuoco e lascio non finite le altre parti, con un tratto bianco che è quello del gessetto che uso per la prima traccia.

Questa serie mi richiederà molto tempo, è solo all’inizio, farò solo quei pezzi che desidero da tempo reinterpretare, non più di venti in ogni caso.

Nell’ultimo periodo , grazie a questi lavori, mi sono divertita a fare stampe lavorate a mano su cartoncino creativo ,  spero di riuscire presto a farteli vedere!

 

info@nicolettabagatti.it