La Bormioli Rocco
16712
post-template-default,single,single-post,postid-16712,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-1.0.4,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,columns-3,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

La Bormioli Rocco

La Bormioli Rocco

Stamattina ho incontrato un’amica che da tempo non vedevo.

Due chiacchiere e poi mi chiede su cosa stò lavorando in questo periodo,

rispondo che preparo una mostra e fra le altre cose le dico che saranno pezzi di grandi dimensioni e precisamente cm 252×168.

Molto pratica , la mia amica mi guarda e mi chiede: ‘Ma chi se lo prende un quadro così grande???????????’

Non lo so???

La sola cosa che penso adesso è che desidero preparare una mostra,

soggetto : la Bormioli Rocco che era la fabbrica dove lavorava mio padre.

penso che un telaio grande mi serve per esprimere al meglio ciò che ho da dire… Non penso alla vendita…

sono molto testarda e quando mi metto in testa una cosa la devo fare.

desidero fare una mostra il cui soggetto è la Bormioli Rocco, la fabbrica dove lavorava mio padre.

Ho bisogno di urlarlo, di dire al mondo che esisteva una fabbrica a Parma e mio padre, che era un grande uomo, lavorava lì come operaio!

Con questo lavoro poteva mantenere la sua famiglia e dare a me e mia sorella un futuro e ne era orgoglioso!

Era un macchinista , un lavoro duro, il caldo soffocante e il rumore assordante, ma a me raccontava con la passione che metteva in tutto, la magia della goccia di vetro rossa, incandescente che scendeva e prendeva forma negli stampi e lui permetteva che tutto ciò accadesse! Il mio eroe!

ero piccina quando mi raccontava nei minimi particolari il suo lavoro e mi immaginavo uno spazio enorme con macchine gigantesche che lanciavano bicchieri e boccettini spesso piccolissimi in ogni dove ! le sue storie erano le mie fiabe preferite.

Oggi io desidero illustrare quelle fiabe, dipingendo ciò che lui in qualche modo creava, dove lo creava, per rivivere quella magia !

secondo te , posso descrivere tutto questo con un quadro della dimensione 20×20 cm?