Mio babbo
16725
post-template-default,single,single-post,postid-16725,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-26.8,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Mio babbo

Mio babbo

Mio padre era una persona fantastica.

Non mi vietava di usare strumenti pericolosi, ma mi insegnava ad usarli!

se mostravo interesse verso una cosa mi incoraggiava ad impegnarmi, senza barriere di genere.

Mi ricordo ancora quando a otto anni desideravo costruire i mobili per la mia Barbie,

mio babbo mi insegnò ad usare scalpelli, sgorbie, martello e pialla e riuscii nella mia impresa.

Ero felice quando lo guardavo lavorare, metteva passione in ciò che costruiva e riparava .

Ho nel cuore un episodio successo anni dopo…

stavo dipingendo nella mia cameretta con i colori ad olio La Gioconda,

ad un certo punto in silenzio mio padre entra nella stanza e si mette dietro di me…mi abbraccia e mi dice all’orecchio:” SEI UN’ARTISTA”.…

io non mi sono mai più sentita così

purtroppo mio babbo è morto poco tempo dopo, avevo 20 anni era il 12 aprile 1988

e il mio sogno è : desidero ancora ardentemente renderlo orgoglioso di me….